Personaggi storici

Personaggi di spicco legati ai Comuni di Panchià e Tesero

[Fonte: Wikipedia Italia]

Giuseppe Alberti

Nato a Tesero il 3 ottobre del 1640, decimo di undici figli (e per questo destinato alla vita ecclesiastica), mostrò subito grandi doti come artista così da allacciarsi alla maniera di Orazio Giovanelli, con la pala d'altare di Montagnaga di Piné del 1661. Tra il 1664 e il 1667 studiò medicina e giurisprudenza all'Università di Padova, studi che abbandonò a partire dal 1668, anno in cui inizio a soggiornare a Venezia (fino al 1673), dove conobbe Marco Liberi, a cui si ispirò fortemente. In questi anni seguì il naturalismo di Marcantonio Bassetti e Pier Francesco Mola e affinò la sua preparazione artistica grazie anche alle opere di Tiziano. Fu invece a Roma che sviluppò le sue competenze da progettista, studiando le più recenti realizzazioni in campo architettonico.La sua principale sede di lavoro fu Trento. Ottenne vari incarichi, sia come pittore sia come architetto, da parte del principe vescovo Francesco Alberti Poja. Dipinse la Pala di San Vigilio, ora conservata al Castello del Buonconsiglio, e realizzò gli affreschi della Giunta Albertiana, fatta costruire dal principe vescovo per collegare il Magno Palazzo a Castelvecchio. Progettò la Cappella del Crocefisso del Duomo di Trento, ne diresse la costruzione e lavorò agli stucchi e agli affreschi.Lavorò anche a Vicenza, dove partecipò all'affrescatura delle Gallerie di Palazzo Leoni Montanari. Dopo la morte di Francesco Alberti Poja, suo principale committente, nel 1689, Alberti si ritirò a Cavalese. Si circondò di numerosi allievi, realizzando dipinti per commissioni locali e ponendo le basi della scuola pittorica fiemmese.

Vivian Lamarque

Nata a Tesero il 19 aprile 1946, Vivian Lamarque è stata una scrittrice, poetessa e traduttrice italiana.Di origini valdesi (il nonno Ernesto Comba, pastore, è autore di un'importante Storia dei Valdesi, pubblicata nel 1935), viene data in adozione, a nove mesi, in quanto illegittima, a una famiglia cattolica milanese. A quattro anni perde il giovane padre adottivo, valoroso Vigile del Fuoco. A dieci scopre di avere due madri e inizia a scrivere le prime poesie. Vive a Milano dove ha una figlia e due nipoti.Ha insegnato italiano agli stranieri e materie letterarie in licei privati. Ha tradotto La Fontaine, Valéry, Prévert, Baudelaire. Dal 1992 scrive sul Corriere della Sera.Il suo primo libro, Teresino, ha vinto il Premio Viareggio Opera Prima nel 1981. Tra gli altri successivi premi, il Montale (1993), il Pen Club ed il Premio Nazionale Alghero Donna di Letteratura e Giornalismo (1996) nella sezione poesia, il Camajore (2003), l'Elsa Morante (2005), il Cardarelli-Tarquinia (2006). Autrice anche di molte fiabe, ha ottenuto il Premio Rodari (1997) e il Premio Andersen (2000). Gran parte della sua produzione poetica è stata raccolta nell'Oscar Mondadori Poesie 1972-2002.

Daria Deflorian

Nata a Tesero il 24 novembre 1959, dopo il diploma di attrice presso la Scuola di teatro di Bologna diretta da Alessandra Galante Garrone e la laurea al DAMS in Discipline dello spettacolo, si perfeziona con Dominic De Fazio, Laura Curino, Danio Manfredini. Lavora con registi quali Marco Baliani, Pippo Delbono e Mario Martone. Nel 2002 collabora con Radio 3, prendendo parte alla realizzazione del programma Mattino Tre. Dal 2005 al 2008 prende parte a tutte le produzioni di accademia degli artefatti Attentati alla vita di lei (2005) Il misantropo moliere/crimp ( 2006) Insulti al pubblico ( 2006) Oneday ( 2007/2008) Nel 2007 lavora come attrice in Kaos, spettacolo della regista e coreografa Martha Clarke a New York.Mirko Deflorian Mirko Deflorian (Cavalese, 19 maggio 1980) è un ex sciatore alpino italiano naturalizzato moldavo, specialista dello slalom gigante. Nel 2008 è assistente alla regia per Anna Karenina, diretto da Eimuntas Nekrosius. Nel 2012 vince il Premio UBU come miglior attrice[1] grazie allo spettacolo L'origine del mondo,[2] scritto e diretto da Lucia Calamaro e allo spettacolo Reality nato dalla sua collaborazione con il performer e coreografo Antonio Tagliarini. Nel 2013 le viene assegnato il Premio Hystrio come miglior attrice dell'anno. Nel 2014 vince con Antonio Tagliarini il Premio Ubu per la migliore innovazione drammaturgica con Ce ne andiamo per non darvi altre preoccupazioni. Nel 2015 i suoi lavori con Antonio Tagliarini e Lucia Calamaro vengono presentati a Parigi al Theatre de la Colline dove ha lavorato anche come attrice con Stéphane Braunschweig.

Mirko Deflorian

Originario di Tesero, iniziò a disputare gare in Coppa Europa nel dicembre 1997, conquistando però piazzamenti nei primi dieci solo dalla stagione 2002-2003. L'esordio in Coppa del Mondo avvenne il 28 febbraio 2004, quando arrivò 21º nello slalom gigante di Kranjska Gora. All'inizio della stagione successiva conquistò i suoi migliori piazzamenti: il 12 dicembre fu quinto a Val-d'Isère, mentre il 19 fu sesto in Alta Badia, sempre in gigante. Durante lo stesso mese vinse tre giganti in Coppa Europa che, con altri piazzamenti, gli permisero di chiudere la stagione al nono posto in classifica generale e al sesto in quella di gigante. Sempre nel 2005 partecipò ai Mondiali di Bormio, senza però concludere la gara. Gli anni successivi, a livello di Coppa del Mondo, furono difficili: le poche gare disputate tra l'ottobre 2005 e il marzo 2007 portarono infatti solo un 15° e due 29° posti come piazzamenti a punti. Il 9 novembre 2009 gareggiò allo slalom speciale di Coppa Europa di Reiteralm. Da allora prese parte a gare di Coppa Europa, Campionati italiani e FIS. Nell'agosto 2010 ottenne la cittadinanza moldava; entrato a far parte della Nazionale di sci alpino della Moldavia disputò i Mondiali di Garmisch-Partenkirchen 2011 e di Schladming 2013.

Mercoledì, 15 Ottobre 2014 - Ultima modifica: Venerdì, 11 Marzo 2016